Catarro verde, cause e rimedi

0
97
catarro verde

Il catarro deriva da un anomalo addensarsi del muco che normalmente viene prodotto nelle vie respiratorie, la cui funzione è quella di filtrare l’aria e di mantenere le mucose idratate. Il muco viene prodotto continuamente per poi essere eliminato attraverso l’apparato digerente.

Quando è in corso un processo infiammatorio delle vie respiratorie la quantità di muco prodotto aumenta notevolmente, rende difficoltosa l’eliminazione e si addensa, provocando il fenomeno del catarro. Accumulandosi nelle vie aeree, il catarro provoca tosse, rinorrea e difficoltà nel respirare correttamente.

La presenza di catarro verde in genere indica una forma di infezione o di infiammazione delle vie aeree, che riguarda più frequentemente i bronchi e i seni paranasali. In genere il muco denso e verdastro si accompagna a tosse, mal di gola, mal di testa e a volte a febbre e malessere.

Le più comuni cause della formazione di catarro verde

Una delle cause che favoriscono la formazione di muco verde e denso è la bronchite, un’infiammazione dei bronchi che può essere causata da batteri o virus o da un’irritazione cronica, come avviene ad esempio nei fumatori o nei soggetti che soffrono di allergie.

La bronchite provoca una tosse insistente e talvolta febbre, la forma virale acuta in genere si risolve spontaneamente, le infezioni batteriche necessitano di un trattamento antibiotico mentre le forme croniche necessitano di una valutazione precisa e di una terapia specifica.

Anche la sinusite provoca un’anomala produzione di catarro verde: si tratta di una patologia infiammatoria che interessa i seni paranasali, virale o batterica, può essere acuta, cronica o ricorrente ed è molto frequente nei mesi invernali. Si manifesta con mal di testa, mal di denti, riduzione della capacità olfattiva, senso di naso chiuso e in alcuni casi tosse e febbre.

Specialmente nei bambini, un’anomala produzione di muco può derivare anche da una forma di otite media, un’infiammazione dell’orecchio medio, spesso conseguenza di un’infezione della faringe e delle prime vie respiratorie.

Catarro verde: diagnosi e cure

In presenza di catarro verde si consiglia di rivolgersi al medico, al fine di evitare le forme di infiammazione cronica o recidivante delle vie respiratorie. Eventualmente, potrebbe essere utile effettuare una radiografia del torace, una spirometria o un esame dell’espettorato: a seguito delle diverse analisi il medico stabilirà, se necessario, una terapia specifica.

Generalmente, i trattamenti utilizzati per questo problema sono farmaci antinfiammatori, mucolitici e, in alcuni casi, antistaminici, mentre le infezioni batteriche vengono trattate con antibiotici specifici.

Specialmente in presenza di febbre, mal di testa e dolori o nel caso di forme recidive e molto frequenti, si raccomanda di rivolgersi al medico e attenersi alle sue indicazioni, evitando le cure fai da te, per non rischiare di provocare complicazioni.

Rimedi naturali per il catarro

Specialmente per le forme croniche o per rafforzare l’effetto dei farmaci, chi ama i rimedi naturali può ricorre anche ad alcuni prodotti naturali particolarmente benefici. Poiché è molto importante favorire la fluidificazione del muco, si rivelano efficaci gli infusi caldi di liquirizia e le tisane di erbe aromatiche, tra cui timo, lavanda, origano e menta, il tè allo zenzero e le inalazioni di vapore ricche di olii essenziali.

*Le informazioni in questo pagina sono da considerarsi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun modo il consulto da parte di un medico. Le persone e le loro testimonianze che in alcuni articoli riportiamo parlano anche di risultati straordinari, essendo però le persone diverse tra loro, non si possono garantire per tutti gli stessi risultati. Scienzadelbenessere.it non può essere ritenuto responsabile circa l’accuratezza, la completezza o le informazioni fornite: recensiamo prodotti di cui non siamo né i produttori né i fornitori diretti, in caso di problematiche sui prodotti recensiti sarà necessario contattare il produttore o il fornitore.