La doccia perfetta? Ecco i consigli (e le cattive abitudini da evitare) secondo gli esperti

0
30

Ti è mai capitato di chiederti se stai facendo la doccia nel modo giusto? Una delle prime cose che impariamo da piccoli è l’importanza dell’igiene personale e che danni – alla salute, alla sfera sociale e relazionale, eccetera – possa fare avere poca cura della propria persona. Piuttosto meccanicamente ci ritroviamo così a ripetere ogni giorno gesti che abbiamo imparato da bambini, come girare la manopola dell’acqua calda al massimo prima di entrare in doccia o versare il bagnoschiuma sulla spugna, senza chiederci se non ci siano per caso modi migliori per fare la doccia. Eppure nel tempo la scienza si è espressa più volte a proposito, individuando abitudini sbagliate e comportamenti virtuosi capaci di massimizzare i benefici della doccia e attutirne l’impatto sull’ambiente.

Dalla frequenza alla temperatura dell’acqua: il modo migliore di fare la doccia

Qualche esperto ha suggerito, per esempio, che non è sempre necessario fare la doccia ogni giorno e che così facendo si rischia anzi di alterare il ph della pelle e renderla più sensibile alle irritazioni. Non farsi la doccia ogni giorno non significa naturalmente rinunciare alla pulizia quotidiana di mani, piedi, faccia, ascelle e il consiglio di diradare la doccia non vale certo per chi tende a sudare molto o vive in luoghi molto caldi e umidi. Il suggerimento degli esperti sembra essere, insomma, semplicemente quello di non strafare e di calibrare l’igiene personale alle reali – e singoleesigenze.

Tra le regole per una doccia perfetta ce ne sono anche che hanno a che vedere con la temperatura dell’acqua. Sono falsi miti tanto la credenza che una doccia gelata rigeneri e abbia effetti benefici per la pelle e sia che una doccia bollente può rovinare e letteralmente “bollire” i capelli. La verità come sempre sta nel mezzo: temperature più elevate dell’acqua, infatti, dilatano i pori permettendo sia ai prodotti utilizzati per shampoo e doccia di agire più efficacemente e sia alla pelle di espellere più facilmente sporco, cellule morte, residui di cosmetici; soprattutto di mattina, invece, l’acqua fredda può effettivamente aiutare a sentirsi più energici e iniziare la giornata con la giusta carica. L’ideale è, insomma, una doccia con acqua tiepida: sistemi come i box doccia walk in sono perfetti per controllare la temperatura prima di entrare in doccia evitando fastidiosi incidenti.

Se sei tra quelli che preferiscono fare la doccia di sera soprattutto per potersi rilassare, forse non gradirai scoprire che la doccia perfetta è in realtà una doccia breve. Quindici minuti sono considerati dagli esperti il limite massimo da non superare per scongiurare pericoli, spesso sottovalutati, come quello di disidratazione. Per l’ambiente, e considerata la carenza di risorse idriche, una doccia di un quarto d’ora è persino eccessiva: il tempo massimo raccomandato è di cinque minuti.

Va da sé che scegliere bagnoschiuma, shampoo, balsamo e altri prodotti per l’igiene personale e cosmetici tenendo conto delle reali esigenze della propria pelle e dei propri capelli aumenta i benefici della doccia. Anche l’ordine con cui si applicano detergenti e cosmetici, però, può fare la differenza. Per evitare irritazioni e infiammazioni i consigli principali degli esperti è di dedicarsi a igiene intima e igiene della bocca sempre rigorosamente fuori dalla doccia.

*Le informazioni in questo pagina sono da considerarsi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun modo il consulto da parte di un medico. Le persone e le loro testimonianze che in alcuni articoli riportiamo parlano anche di risultati straordinari, essendo però le persone diverse tra loro, non si possono garantire per tutti gli stessi risultati. Scienzadelbenessere.it non può essere ritenuto responsabile circa l’accuratezza, la completezza o le informazioni fornite: recensiamo prodotti di cui non siamo né i produttori né i fornitori diretti, in caso di problematiche sui prodotti recensiti sarà necessario contattare il produttore o il fornitore.
CONDIVIDI
Articolo precedente4 metodi per vivere in equilibrio